sabato 28 giugno 2008

Condizioni di volo RyanAir

0 commenti

RYANAIR
# CANCELLAZIONE DI VOLI E CAMBIAMENTI DI ORARI
Tutti i pagamenti effettuati (incluse tasse e spese aeroportuali) non sono rimborsabili tranne nei casi in cui la compagnia aerea annulli o sposti l'orario di partenza in modo significativo. In questi casi il passeggero ha diritto ad un buono per un altro viaggio o ad un rimborso completo di tutti i pagamenti effettuati.
In nessun caso la compagnia aerea fornisce buoni pasto o sistemazione in hotel in caso di voli cancellati o in ritardo. Si consiglia ai passeggeri che prenotano con ampio anticipo di confermare la prenotazione tra 24 e 72 ore prima della partenza.
# CAMBIO NOME E CAMBIO VOLI
La data, l'ora e l'itinerario del volo possono essere modificati purché vi sia disponibilità e dietro pagamento di una penale per la variazione di € 45 (o l'equivalente nella valuta locale) per tratta di volo e per passeggero, più la differenza tra la tariffa originale pagata e la tariffa minima disponibile al momento della modifica. Se la tariffa totale è inferiore a quella pagata in origine, non è previsto alcun rimborso. I cambiamenti, secondo la disponibilità, possono essere effettuati fino a 12 ore prima dell'ora di partenza prevista del volo originariamente prenotato.
I nomi dei passeggeri possono essere modificati fino a quattro ore prima della partenza prevista (in base agli orari di pertura dei centri di prenotazione) in seguito al pagamento di un sovrapprezzo di € 100 (o somma equivalente in valuta locale) per passeggero. Qualsiasi cambio di nominativo apportato alla prenotazione di un volo varrà per l'itinerario completo di volo di quel singolo passeggero.
# REGOLAMENTAZIONE BAGAGLI
A ciascun passeggero è consentito portare a bordo dell'aereo un bagaglio a mano, di peso non superiore a 10 kg e di dimensioni non eccedenti 55 cm x 40 cm x 20 cm . Per il trasporto di ciascun bagaglio presentato al check-in., viene addebitata una tariffa bagaglio dell'importo di €18 (o l'equivalente nella valuta locale) per passeggero/singola tratta di volo.
La franchigia per il bagaglio presentato al check-in è di 15 kg per persona. Non è prevista alcuna franchigia per i bambini piccoli, tuttavia è possibile trasportare gratuitamente una carrozzina/passeggino. Ciascun passeggero può presentare al check-in un massimo di tre colli, fino al raggiungimento della franchigia bagaglio consentita per persona (viene applicata una tariffa bagaglio per ogni collo presentato al check in).
# CHECK IN: Vi informiamo che la compagnia aerea applicherà un addebito di 4 euro (per una persona/per tratta)al momento dell'imbarco in aeroporto a tutti i passeggeri che non avranno effettuato il check in on line. Per evitare tale costo aggiuntivo la procedura può essere effettuata collegandosi al sito della compagnia aerea alla voce "check in on line" , da 2 giorni a 4 ore prima dalla partenza del volo.Questo tipo di operazione è possibile solo per coloro che viaggiano con un bagaglio a mano nel peso e nelle dimensioni consentite.
Attrezzature sportive, quali lunghe canne da pesca, mazze da golf, biciclette, scooter, materiale per la scherma, surf, tavole da surf, snowboard e sci, nonché strumenti musicali di grandi dimensioni quali arpe, contrabbassi e tamburi, sono chiaramente inadatti per il trasporto aereo da parte di compagnie che offrono servizi rapidi come Ryanair. Questi articoli possono tuttavia essere trasportati nella stiva dell'aereo unitamente ai bagagli personali presentati al check-in previo pagamento di una tariffa aggiuntiva direttamente in aeroporto oppure tramite un call centre Ryanair.
Non è prevista alcuna franchigia per i bagagli di bambini presentati al check-in. È tuttavia possibile portare a bordo un passeggino completamente pieghevole senza costi aggiuntivi. Ad altre dotazioni per bambini vengono applicate tariffe separate per ogni singolo articolo.

Attrezzatura sportiva *Per articolo/per tratta

£ 25,00
€ 30,00 £ 30,00 € 40,00
Articoli per bambini *(seggiolini per auto/lettini da viaggio) Per articolo/per tratta (il trasporto di 1 passeggino è gratuito)

£ 6,00


€ 9,00


£ 12,00
€ 18,00
Strumenti musicali *Per articolo/per tratta £ 25,00 € 30,00 £ 30,00 € 40,00




giovedì 26 giugno 2008

Più posti di lavoro in Giappone: aumenta la richiesta di manodopera generica straniera

0 commenti

Un nuovo articolo dal corriere asiatico:

TOKYO: Il Giappone necessita di manodopera e urgentemente se non vuole subire una profonda crisi produttiva all'interno delle piccole e medie imprese. E' quanto emerge da una ricerca presentata la scorsa settimana da un gruppo di statisti del Ministero per il Commercio e l'Industria giapponese. La risposta? L'aiuto potrà arrivare dalla manodopera straniera fino ad oggi cautamente limitata dalle politiche di governo.

La ricerca sottolinea la ormai irreparabile necessità di far fronte alla richiesta di manodopera generica proveniente dalle piccole e medie imprese che costituiscono ancora in Giappone il cuore produttivo dell'industria regionale. La riflessione pare convergere sulla possibilità di incentivare la concessione di visti di lavoro agli stranieri, soprattutto anche per quelli che non possiedono qualifiche specifiche occupazionali.

Fino ad oggi, difatti, le misure di controllo dell'immigrazione per motivi di lavoro sono sempre state mantenute alte da parte del Governo Giapponese che ha sempre posto la clausola "skill" come elemento fondamentale per la concessione del visto.

Pare però che il sistema formativo interno pur permettendo la preparazione di tecnici, professionisti, laureati in variegate discipline di studio atte a favorire l'ascesa professionale nel sistema delle "kaisha" (aziende) giapponesi o all'estero, sembra non rispondere al vuoto lavorativo lasciato dall'assenza di manodopera semplice.

Attualmente il governo permette il visto di lavoro anche a soggetti "unskilled" in territorio nazionale solo all'interno di un periodo di training di lavoro per la durata di tre anni, posto sotto osservazione del ministero o, diversamente, attraverso un programma di internship tecnica sviluppato con altri Paesi. Solitamente in questi progetti di scambio, il lavoratore straniero affronta un periodo di formazione seguito da un periodo di lavoro in Giappone, a cui però viene sempre indicato un termine lavorativo e di rimpatrio.

Le cose sicuramente paiono destinate a cambiare anche per coloro che non possono garantirsi di un appoggio istituzionale o l'accesso a programmi di preparazione tecnica come quelli fino ad oggi previsti. Non vi è però da pensare che le frontiere subiranno un'affrettata e irrazionale apertura nei confronti di lavoratori gaijin (stranieri). Il programmatico requisito che il governo continua a considerare come fondamentale per l'emissione del visto di lavoro prolungato continuerà infatti ad essere l'esame di certificazione linguistica (japanese proficiency test) che il governo invita a conseguire nel Paese di origine, proprio per tamponare le ingenti richieste di visto studio da traslare dopo il conseguimento dell'attestato in visto di lavoro.

Seguirà poi una formazione specifica promossa dal ministero attraverso enti specializzati sugli usi e costumi proprio dell'utsukushii nihon - meraviglioso giappone - così come la retorica politica e istituzionale ama definirlo. Solo dopo questi precisi step anche il lavoratore semplice senza particolare qualifica accademica o professionale potrà vedersi garantito un visto di lavoro.

Il numero dei visti per lavoratori "generici" sarà comunque sempre prefissato di anno in anno e i controlli governativi all'interno delle piccole e medie imprese agricole, forestali o di semilavorazione saranno frequenti e molto rigidi.

sabato 21 giugno 2008

Viaggio irlanda: Ostelli!!

0 commenti

Ostelli proposti di Galway:

Salmon Weir Prezzo indicativo a 16euro ma non si sa se cihude per la notte. Chiedere info a info@swhostel.com

Nimos Hostel Prezzo indicativo 20euro ma sembra non essere il massimo per sicurezza

Sleepzone Prezzo da 24 euro (quello che sceglierei io...)


Ostelli a dublino: (anche qua leggete bene le review..)

Brown Hostel Prezzi molto vari (dipende il giorno...) 11-22-22 / 11euro (per date 31-1-2 / 6) Non il massimo per pulizia o sicurezza

Brewery Hostel prezzi 18-27-27 / 18

Abraham House 14-23-25 / 14 (non sembra male..)

Avalon House 14-24-24 / 20 sembra il migliore ed è nella guida di lonely planet.. scegliendo questo + sleepzone di Galway siamo sui 156euro..niente male..Prenderei questo..)


Il sito che ho guardato e dal quale prenoterei è www.hostelworld.com
Sarebbe da fare 2 prenotazioni separate perchè si incazza se mettete 9+ persone.....
Usando la postepay c'è un piccolo costo extra per la prenotazione (mi era stato richiesto tempo fa..)